VERONA: COSA VISITARE OLTRE AL CENTRO STORICO

VERONA: COSA VISITARE OLTRE AL CENTRO STORICO

GIARDINO E PALAZZO GIUSTI

Il primo giorno a Verona, prima di andare in albergo, abbiamo fatto tappa a Giardino Giusti. Intitolato alla famiglia che vi si trasferì dalla Toscana per sviluppare l’industria di tintura della lana, alla fine del 1300.

In principio il giardino non aveva l’odierna configurazione, poiché era adibito a luogo per il trattamento della lana. Fu un’idea di Agostino Giusti che, dopo essere entrato in contatto con i Medici e gli Asburgo, decise di realizzare un giardino secondo gli stili dell’epoca.

Il giardino

Introdusse quindi bossi, fontane, statue mitologiche, cipressi, grotte e un mascherone. Ingrandì il palazzo e vi accorpò nuove strutture per la lavorazione della lana.

La parte bassa del giardino è all’italiana. Si nota infatti una ripartizione in nove quadrati. Sette presentano al centro una fontana o una statua, uno è caratterizzato da un labirinto, e l’ultimo è un boschetto che si estende poi sulla parte alta del giardino.

Tre delle sezioni sono divise dalle altre tramite il viale principale costeggiato da alti cipressi, che dal cancello principale lasciano intravedere sul fondo una balconata con un orrido che al tempo emetteva dalla bocca lingue di fuoco e fumo. Il cipresso al centro è chiamato cipresso di Goethe, è uno dei più grossi e si dice abbia ispirato l’artista, che lo cita anche nell’opera “Viaggio in Italia.”

L’accesso alla parte alta del giardino è possibile attraverso una torre che contiene una scala. Una volta in cima si può ammirare il paesaggio, non solo del giardino e del palazzo ma anche di Verona.

La vista migliore a mio parere si ha però dal padiglione sulla sinistra. Situato ad un livello intermedio tra la parte bassa e quella alta, ma che attraverso il colonnato permette una vista romantica di Verona, dei suoi tetti, campanili e torri.

Sotto il padiglione si estendono vecchie mura, che si fanno risalire all’epoca di Teodorico, le quali presentano delle nicchie che ospitavano statue di dei. Davanti al muro ci sono vasi di agrumi, che richiamano il commercio di tali piante che furono per il Veneto enorme fonte di reddito.

Alcuni passaggi e aree del giardino sono chiuse perché pericolanti e quindi in via di restauro, ma spero vengano finiti i lavori in fretta!

Il palazzo

Il palazzo è visitabile solo da un lato. Qui sono presenti la sala del camino, una cameretta, la sala dei ricevimenti, con il pianoforte e le pareti a specchio, la sala da pranzo, e la sala dei ritratti. I pavimenti sono in legno come i soffitti ad eccezione di alcuni che sono affrescati.

Negli anni, durante i percorsi del Grand Tour, molti personaggi illustri Europei passarono per Verona e visitarono il giardino, e soggiornarono nelle sale del palazzo.

Verona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »